Minoranza Grecanica: saperi intorno la tarantella


  • Regione: Calabria
  • Provincia: RC
  • Comune: Reggio di Calabria

Descrizione

Denominata anche #Fora u primu# o #Sonu a ballu#, la tarantella dell'area aspromontana si balla una coppia per volta all'interno di in uno spazio circolare, #la rota#, dove tutto è gestito dalla figura del #Mastru i ballu#. E' il #Mastru i ballu# che apre le danze, che decide con chi ballare, chi far ballare e con chi ballare. Il #Mastru i ballu#, di volta in volta, invita gli astanti a ballare, dopodiché interviene congedando il primo che ha cominciato a ballare con la formula #fora u primu# per sostituirlo con un altro. L'informatrice racconta come questa danza sia fortemente legata ai principali momenti sia di vita pubblica che privata, quindi ricorrenze religiose e feste pagane, come macellazione domestica del maiale, battesimi e matrimoni, e altri ancora. Momenti spesso conclusi da #nu giru e fora u primu#. I ballerini entrano all'interno della #rota# dopo l'invito del #mastru i ballu#, tenendo il tempo, ponendosi esattamente allo stesso modo in cui ci si pone con una persona che non si conosce, quindi con atteggiamento attento, prestando così attenzione al modo di porsi, di parlare e di ballare dell'altro per poi comportarsi di conseguenza.

Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!