• scheda
    • CD - IDENTIFICAZIONE
      • TSK - Tipo modulo
        MODI
      • CDR - Codice Regione
        06
      • CDM - Codice Modulo
        ICCD_MODI_7540178905541
      • ESC - Ente schedatore
        ICCD
      • ECP - Ente competente per tutela
        ICCD
      • ACC - ALTRA IDENTIFICAZIONE
        • ACCE - Ente/soggetto responsabile
          IPAC-Istituto Regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia e Polo Museale del Friuli Venezia Giulia
        • ACCC - Codice identificativo
          ICCD_MODI_7540178905541
      • OGM - Modalità di individuazione
        documentazioni audio-visive
    • OG - ENTITA'
      • AMB - Ambito di tutela MiBACT
        etnoantropologico
      • AMA - Ambito di applicazione
        entità immateriali
      • CTG - Categoria
        festa-cerimonia
      • OGD - Definizione
        #Bacio delle Croci#
      • OGN - Denominazione
        Bussade das Crôs
    • LC - LOCALIZZAZIONE
      • LCS - Stato
        ITALIA
      • LCR - Regione
        Friuli-Venezia Giulia
      • LCP - Provincia
        UD
      • LCC - Comune
        Zuglio
      • LCL - Località
        ZUGLIO
      • LCV - Altri percorsi/specifiche
        Plan de Vincule, San Pietro di Carnia
    • DT - CRONOLOGIA
      • DTR - Riferimento cronologico
        XXI
    • CM - CERTIFICAZIONE E GESTIONE DEI DATI
      • CMR - Responsabile dei contenuti
        Ferrara, Giuliana (IPAC-Istituto Regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia)
      • CMC - Responsabile ricerca e redazione
        Salvador, Caterina
      • CMA - Anno di redazione
        2016
      • CMM - Motivo della redazione del MODI
        Inventario patrimonio culturale immateriale/ ICCD: progetto PCI 500 giovani
      • ADP - Profilo di accesso
        1
      • OSS - Note sui contenuti del modulo
        Temi trattati nell'ambito del progetto PCI: Feste e riti del ciclo dell'anno
    • DA - DATI ANALITICI
      • DES - Descrizione
        I fedeli arrivano alla Pieve di San Pietro, sul colle omonimo che domina la vallata. Ogni gruppo, in rappresentanza delle trentadue pievi della vallata, reca in processione una croce astile d’argento, issata su lunghi bastoni, infiocchettati con nastri di seta colorata, ghirlande e fiori. Giunti ad un pianoro, la folla si dispone a cerchio con i crociferi in prima fila. Al centro si trova il sacerdote con abito rosso e con in mano la croce matrice. Quest’ultimo chiama per nome, in lingua friulana, le singole croci (#Crous di Sante Gjeltrude#). A questo punto i portatori avanzano, a turno, verso il centro inclinando la croce, fino a toccare il crocefisso sostenuto dal sacerdote, in un bacio simbolico. Ogni croce è caratterizzata da nastri di colore diverso. Terminato il rito religioso, la processione prosegue lungo la strada in salita in direzione della Pieve sovrastante.
      • NSC - Notizie storico critiche
        Il rito del Bacio delle Croci si tiene a Zuglio, nella valle del But, la domenica dell’Ascensione; l’antica ricorrenza religiosa si propone di rinnovare il patto di fedeltà e fratellanza tra le chiese della vallata. Si celebra, infatti, l’omaggio della comunità alla pieve più antica ed importante della Carnia, la Pieve di San Pietro, che è sede vescovile e chiesa matrice. La processione del Bacio delle Croci risale alla cerimonia d'insediamento di Berengario del Friuli sulla cattedra del Patriarcato d'Aquileia. Per l'occasione il Patriarca riunì tutti i vescovi del Friuli, con il seguito dei prelati delle diocesi, i quali, per farsi riconoscere, portarono i simboli delle chiese d'appartenenza e di provenienza. Uno di questi è la croce astile che viene ornata con i nastri utilizzati dalle spose nel giorno delle nozze avvenute nell’anno trascorso. L’antico rituale si svolge nel #Plan da Vincule# sottostante l’antica Pieve trecentesca, dove le croci vengono disposte a cerchio, come a rappresentare un’ideale cinta di tutto il territorio della Pieve. Il rito è scandito da rogazioni e dalla cosiddetta “chiamata delle croci”, secondo un antico rituale in lingua friulana, per sottolineare il valore storico e spirituale della cerimonia. Un tempo ogni paese, al ritorno dalla cerimonia da #las Crôs#, festeggiava la propria croce accogliendola sul confine del territorio della comunità, sottolineando così anche l’aspetto amministrativo della cerimonia.
    • RI - RILEVAMENTO ENTITA' IMMATERIALI
      • RIM - Rilevamento/contesto
        rilevamento nel contesto
      • DRV - DATI DI RILEVAMENTO
        • DRVL - Rilevatore
          Fusco, Antonio Silvio
        • DRVD - Data del rilevamento
          2014/00/00
      • CAO - OCCASIONE
        • CAOD - Denominazione
          Domenica dell'Ascensione
    • DO - DOCUMENTAZIONE
      • FTA - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA
        • FTAN - Codice identificativo
          PCI_Friuli VG_CS_F0008
        • FTAX - Genere
          documentazione allegata
        • FTAK - Nome file digitale
          PCI_Friuli VG_CS_F0008.jpg
        • FTAT - Note
          Fermo-immagine tratto da documento video-cinematografico (vedi VDC).
      • VDC - DOCUMENTAZIONE VIDEO-CINEMATOGRAFICA
        • VDCN - Codice identificativo
          PCI_Friuli VG_CS_V0008
        • VDCX - Genere
          documentazione esistente
        • VDCP - Tipo/formato
          file digitale
        • VDCA - Denominazione/titolo
          Bacio delle Croci
        • VDCS - Specifiche
          Durata: 10'39'' (estratto da 0'7'' a 10'46'')
        • VDCD - Riferimento cronologico
          2014/06/01
        • VDCW - Indirizzo web (URL)
          https://www.youtube.com/embed/vH4ZwP0iA7M?start=7&end=646
        • VDCT - Note
          Titolo originale del video: "Bacio delle Croci 2014", della durata complessiva di 10'51''. URL del video originale: https://www.youtube.com/watch?v=vH4ZwP0iA7M
      • BIB - BIBLIOGRAFIA
        • BIBR - Abbreviazione
          MALAGNINI 2006
        • BIBX - Genere
          bibliografia di confronto
        • BIBF - Tipo
          monografia
        • BIBM - Riferimento bibliografico completo
          Malagnini Fabio, Il Friuli Venezia Giulia, enciclopedia tematica, vol.1, Il carattere di una regione, Milano 2006, pp. 168-169.
      • BIB - BIBLIOGRAFIA
        • BIBR - Abbreviazione
          CICERI NICOLOSO 1983
        • BIBX - Genere
          bibliografia di confronto
        • BIBF - Tipo
          monografia
        • BIBM - Riferimento bibliografico completo
          Ciceri Nicoloso Andreina, Tradizioni popolari in Friuli, Reana del Rojale (UD) 1983, pp. 805-808.
Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!